Appalti In Linea - Tutte le risorse per gli Appalti Pubblici

APPALTI IN LINEA


Direttore di redazione:

Alessandro Boso

 
 

Calcola i prezzi delle migliori
polizze online con un click !!


DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 11 NOVEMBRE 2004, N. 374/PRES.

 

Regolamento tipo per la selezione dei candidati da invitare alla procedura ristretta di cui all�articolo 20, comma 2 delle legge regionale 31 maggio 2002, n. 14 �Disciplina organica dei lavori pubblici�.

(Pubblicato nel B.U.R. del 15/12/2004, n. 50)

[Coordinato con D.P.G.R. Friuli del 27/10/2006, n. 0328/Pres.]

  • Preambolo

    • Il Presidente

    • VISTA la legge regionale 31 maggio 2002, n. 14 �Disciplina organica dei lavori pubblici� e successive modifiche ed integrazioni, ed in particolare l�articolo 20 che prevede che in caso di procedura ristretta per lavori di importo al di sotto della soglia comunitaria, l�Amministrazione aggiudicatrice pu� fissare nel bando di gara il numero dei concorrenti da invitare tra un minimo di dieci ed un massimo di trenta candidati;

    • VISTO l�articolo 20, comma 2 della precitata legge regionale 14/2002 e successive modificazioni ed integrazioni che dispone che l�Amministrazione aggiudicatrice proceda alla scelta delle imprese da invitare, qualora il numero dei candidati sia superiore a quello indicato nel bando di gara, sulla base di criteri stabiliti da un apposito regolamento tipo regionale che tengono conto della migliore idoneit� economico finanziaria, tipologica ed organizzativo dimensionale dei concorrenti, rispetto ai lavori da realizzare;

    • VISTO il testo regolamentare in merito predisposto dalla Direzione centrale ambiente e lavori pubblici;

    • VISTA la circolare SG/4 del 3 maggio 2001;

    • VISTO l�articolo 42 dello Statuto regionale;

    • SU CONFORME deliberazione della Giunta regionale n. 2744 del 25 ottobre 2004;

    • Decreta

    • � approvato il �Regolamento tipo per la selezione dei candidati da invitare alla procedura ristretta di cui all�articolo 20, comma 2 della legge regionale 31 maggio 2002, n. 14 �Disciplina organica dei lavori pubblici� � nel testo allegato al presente provvedimento quale parte integrante e sostanziale.

    • � fatto obbligo, a chiunque spetti, di osservare e di farlo osservare come Regolamento della Regione.

    • Il presente decreto entrer� in vigore il quindicesimo giorno dalla sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

    • Trieste, l� 11 novembre 2004

    • Illy

  • Art. 1 (Finalit� e ambito di applicazione)

    • 1. Il presente Regolamento, ai sensi dell�articolo 20, comma 2 della legge regionale 31 maggio 2002, n. 14, �Disciplina organica dei lavori pubblici� costituisce il Regolamento tipo per la disciplina della procedura di aggiudicazione di lavori pubblici di importo al di sotto della soglia comunitaria mediante procedura ristretta per tutte le amministrazioni aggiudicatrici del Friuli Venezia Giulia.

  • Art. 2 (Numero e scelta dei concorrenti)

    • 1. L�amministrazione aggiudicatrice fissa nel bando di gara il numero dei concorrenti da invitare tra un minimo di dieci ed un massimo di trenta.

    • 2. Qualora il numero dei candidati sia superiore al numero indicato nel bando di gara, la scelta dei concorrenti avviene in base a criteri di idoneit� economico-finanziaria, tipologica e organizzativo-dimensionale dei concorrenti, rispetto a tipologia ed entit� dei lavori da realizzare.

    • 3. Delle operazioni di selezione viene redatto apposito verbale.

  • Art. 3 (Criteri per la selezione)

    • 1. Le imprese sono selezionate secondo i seguenti criteri:

    • a) idoneit� economico-finanziaria, determinata sulla base della cifra di affari in lavori, derivante da attivit� diretta ed indiretta, realizzata nel quinquennio anteriore alla data di pubblicazione del bando;

    • b) idoneit� tipologica, determinata sulla base dell�importo complessivo dei lavori eseguiti nel quinquennio anteriore alla data di pubblicazione del bando nella categoria prevalente, di cui al bando stesso. In caso di lavori che presentino particolare complessit� tecnica, l�Amministrazione aggiudicatrice richiede nel bando di gara il possesso di idonee attrezzature;

    • c) idoneit� organizzativo-dimensionale determinata sulla base del rapporto tra il costo del personale dipendente, sommato ad ammortamenti e canoni di leasing per immobilizzazioni tecniche e beni strumentali, e la cifra di affari in lavori risultante dagli ultimi cinque bilanci depositati alla data di pubblicazione del bando, nonch� sul numero dei dipendenti dell�impresa o del raggruppamento di imprese iscritti presso sedi INPS della Regione Friuli Venezia Giulia all�atto della presentazione della richiesta d�invito. (lettera modificata dalla DPGR 328/2006)

    • 2. Ogni criterio di selezione � composto dagli elementi di valutazione indicati nella tabella A.

    • 2bis. I dati di cui al comma 1, lettera c), risultano da dichiarazione rilasciata dal Presidente del Collegio sindacale o in caso di sua assenza da altro revisore contabile iscritto nell�apposito registro. (comma aggiunto dal DPGR 328/2006)

    • 2ter. Qualora l�importo dei lavori sia inferiore a 500.000,00 euro le Amministrazioni aggiudicatrici hanno la facolt�, attraverso il regolamento di attuazione previsto dall�articolo 20 comma 2 della LR 14/2002, di introdurre, in modo trasparente e non discriminatorio, ad integrazione dei criteri di idoneit� organizzativo-dimensionale indicati al comma 1 lettera c) ulteriori criteri oggettivi al fine di selezionare le imprese da ammettere alla gara. (comma aggiunto dal DPGR 328/2006)

  • Art. 4 (Accertamento e valutazione dei requisiti)

    • 1. L�amministrazione aggiudicatrice richiede nel bando di gara la presentazione di apposite dichiarazioni, rese ai sensi della vigente normativa in materia di dichiarazioni sostitutive, attestanti le idoneit� di cui all�articolo 3.

  • Art. 5 (Graduatoria)

    • 1. L�Amministrazione aggiudicatrice provvede:

    • a) ad attribuire a ciascun concorrente un punteggio risultante dalla somma dei punteggi assegnati in applicazione della tabella di cui all�articolo 3;

    • b) a formare la graduatoria dei candidati, in ordine decrescente di punteggio complessivo;

    • c) ad invitare alla gara i concorrenti collocati utilmente nella graduatoria.

    • 2. In caso di parit� di punteggio, l�amministrazione aggiudicatrice d� preferenza nella graduatoria al concorrente che ha ottenuto il maggior punteggio relativamente al criterio previsto all�articolo 3, lettera b); in caso di ulteriore parit� di punteggio l�amministrazione d� preferenza al concorrente che ha ottenuto il maggior punteggio relativamente al criterio previsto all�articolo 3, lettera c); in caso di ulteriore parit� di punteggio viene data preferenza al concorrente che ha ottenuto il maggior punteggio in relazione al criterio previsto all�articolo 3, lettera a); in caso di ulteriore parit� si procede a sorteggio.

  • Art. 6 (Associazione temporanea di imprese)

    • 1. Nel caso di associazione temporanea di imprese, fermi restando i requisiti minimi previsti dalla vigente normativa in materia di qualificazione per la esecuzione di lavori ed opere pubbliche, ai fini della determinazione del criterio di cui all�articolo 3, comma 1, lettera a), vengono considerati la cifra di affari in lavori con riferimento al raggruppamento nel suo insieme, mentre ai fini della determinazione del criterio di cui all�articolo 3, comma 1, lettere b) e c), si considera la situazione della sola impresa capogruppo. (articolo sostituito dal DPGR 328/2006)

  • Art. 7 (Consorzi di imprese)

    • 1. Le disposizioni dell�articolo 6 si applicano, in quanto compatibili, anche ai consorzi di imprese di cui all�articolo 2602 del Codice civile, nonch� ai consorzi ammessi a partecipare alle gare ai sensi della normativa statale.

  • Art. 8 (Disposizione finale)

    • 1. Il presente Regolamento si applica alla Regione e agli Enti regionali, nonch� fino all�emanazione dei rispettivi Regolamenti di attuazione, alle altre amministrazioni aggiudicatrici.

    • 2. Fermo restando il punteggio massimo di quindici punti, attribuito ad ogni singolo criterio di selezione e di cui alla tabella A, le altre amministrazioni aggiudicatrici di cui al comma 1 possono prevedere nei propri Regolamenti variazioni fino ad un massimo di 2 punti per ciascun elemento di valutazione.

  • Tabella A (Criteri per la selezione)

    • (tabella sostituita dal DPGR 328/2006)

    • (riferita all'articolo 3)

    • A) Idoneit� economico finanziaria

      B) Inidoneit� tipologica

      C) Idoneit� organizzativo dimensionale

      Importo relativo alla cifra di affari in lavori realizzata nei cinque anni anteriori alla data di pubblicazione del bando.

      Importo complessivo dei lavori eseguiti nella categoria prevalente nel quinquennio anteriore alla data di pubblicazione del bando.

      Rapporto tra il costo del personale dipendente sommato ad ammortamenti e canoni di leasing per immobilizzazioni tecniche e beni strumentali, e la cifra di affari in lavori realizzata nel quinquennio precedente.

      Numero dei dipendenti dell'impresa o del raggruppamento di imprese iscritti presso sedi INPS della Regione Friuli Venezia Giulia all'atto della presentazione della richiesta di invito.

      Fasce

      Punti

      Fasce

      Punti

      Fasce

      Punti

      Fasce

      Punti

      I

      Fino a 1,50 volte l'importo a base d'asta

      0

      Fino a 0,40 (0,60 per � lavori superiori a 3,5 milioni di EURO) volte l'importo a base d'asta

      0

      Fino a 0,10

      0

      Fino al 20% dei dipendenti

      0

      II

      da maggiore di 1,50 volte a 2,25 volte l'importo a base d'asta

      3,5

      da maggiore di 0,40 volte (0,60 per i lavori superiori ai 3,5 milioni di EURO) a 1,50 volte l'importo a base d'asta

      3,5

      da maggiore di 0,10 a 0,15

      3,5

      da maggiore del 20% al 40% dei dipendenti

      3,5

      III

      da maggiore di 2,25 volte a 3,25 volte l'importo a base d'asta

      7

      da maggiore di 1,50 volte a 2,50 volte l'importo a base d'asta

      7

      da maggiore di 0,15 a 0,20

      7

      da maggiore del 40% al 60% dei dipendenti

      7

      IV

      da maggiore di

      3,25 volte a 4 volte l'importo a base d'asta

      11

      da maggiore d� 2,50 volte a 4 volte l'importo a base d'asta

      11

      da maggiore di 0,20 a 0,25

      11

      da maggiore del 60% al 80% dei dipendenti

      11

      V

      oltre 4 volte l'importo a base d'asta

      15

      oltre 4 volte l'importo a base d'asta

      15

      Oltre 0,25

      15

      da maggiore del 80% al 100% dei dipendenti

      15

    • E' opportuno precisare che:

    • � la cifra d'affari in lavori deve risultare dagli ultimi cinque bilanci depositati alla data di pubblicazione del bando e redatti secondo lo schema di bilancio di cui all'art. 2425 cod.civ.;

    • � il costo del personale risulta dalla voce b,9) secondo lo schema di bilancio di cui all'art. 2425 cod.civ., e

    • - nel caso di impresa artigiana- deve essere maggiorato della retribuzione convenzionale determinata ai fini della contribuzione INAIL;

    • � i costi per il godimento di beni di terzi risultano dalla voce b. 8) secondo lo schema di bilancio di cui all'art. 2425 cod.civ.;

    • � i costi per ammortamenti delle immobilizzazioni materiali risultano dalla voce b.lOb) secondo lo schema di bilancio di cui all'art. 2425 cod.civ.,

    • Rapporto tra il costo del personale dipendente (compresa la valorizzazione del lavoro artigiano secondo tabella INAIL), sommato ad ammortamenti e canoni di leasing per immobilizzazioni tecniche e beni strumentali, e la cifra di affari in lavori risultante dagli ultimi cinque bilanci depositati alla data di pubblicazione del bando o, in caso di impresa non tenuta al deposito del bilancio� dalla situazione economica utilizzata ai fini della presentazione delle ultime cinque dichiarazioni dei redditi.